Preghiera per il giorno della Festa di San Camillo

O incomparabile e grande amante del prossimo, San Camillo, non si è estinto, ora che vivete in seno alla carità e misericordia di Dio, il vostro amore ai malati. Riguardate dunque a noi che vi siamo devoti e vi abbiamo scelto a Padre amorosissimo.

Più che dalle temporali nostre avversità e miserie, vi supplichiamo di liberarci dalle nostre spirituali infermità. Impetrateci da Dio, che «quali eletti suoi, santi e diletti», ci rivestiamo di viscere di misericordia, di carità, di umiltà, di mansuetudine e di pazienza verso i nostri prossimi; che conserviamo con tutti un sincero amore fraterno, un ardente zelo della loro salute, cooperandovi, per quanto ci è possibile, con i buoni consigli, le opportune esortazioni e il buon esempio.

A questo animateci e indirizzateci con la vostra intercessione, mentre vivissima è la fiducia che riponiamo in Voi, Patrono degli infermi e degli infermieri, e perciò particolarmente impegnato ad aiutarci e proteggerci per la nostra salute corporale ed eterna.